ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΑ ΜΕΛΗ 2021-2022
.
ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΟΙ ΦΙΛΑΘΛΟΙ 2021-2022
.
A Pireo per la qualificazione!

Un  risultato positivo, che gli dà il vantaggio per la qualificazione nella Final 4 dell’Eurolega, e’ stato ottenuto  dall’Olympiakos nel campo della squadra campione Europea in carica Kinef Kirishi, contro la quale ha pareggiato per 10-10. Nella prima sfida dei quarti di finale, l’Olympiakos ha realizzato una prestazione convincente e avrebbe potuto conquistare anche la vittoria, ma il risultato finale gli da solo  un vantaggio, in vista della gara di ritorno che si svolgerà al Papastrateio. A Pireo,  venerdì 16 marzo (19:30), la squadra di pallanuoto femminile dell’Olympiakos, avrà l’opportunità, con una vittoria, di conquistare la qualificazione per la Final 4 dell’Eurolega ed essere presente per la quarta volta consecutiva alla fase finale della competizione più importante d’Europa per ogni  club. Per quanto riguarda la partita, l’incontro tra le due finaliste della scorsa edizione, ha dimostrato il perchè le due squadre sono considerate tra le più forti della competizione. L’Olympiakos si è trovato indietro di due reti per ben tre volte e tutte e tre le volte  è riuscito a pareggiare, mentre dal momento che è passato in vantaggio, fino al terzo periodo,  con un parziale di 5-3, è riuscito a chiudere il quarto avanti per 9-7. La squadra Russa, la quale ha segnato più della metà delle proprie reti in contropiede (6 in totale), con un  break di 3-0 all’inizio dell’ ultimo periodo di gioco, ha sorpassato portandosi sul 10-9, ma un’eccellente Alexandra Asimaki, la quale ha segnato 5 reti in totale, ha pareggiato per il 10-10 finale. 

Si è trovato a inseguire...

Nel primo periodo di gioco, l’Olympiakos ha subito due gol simili in contropiede da parte della Ryzhkova (4:45, 0:58), e si è trovato indietro per 2-0. Le “biancorosse” in questa frazione di gioco, non sono riuscite a concretizzare,  anche essendo in  superiorità numerica per ben due volte, mentre il Kinef ha avuto un’opportunità con l’uomo in più senza pero’ sfruttarla.

Parziale di 4-2 e pareggio!

All’avvio del secondo periodo, l’Olympiakos ha aumentato il ritmo di gioco e ha trovato le soluzioni che cercava in attacco con il contropiede. Monica Eggens va in rete (06:30) per il   2-1 e Alexandra Asimaki in seguito pareggia dopo un bel assist da parte della Nikol Eleftheriadou. Le padrone di casa hanno risposto portandosi nuovamente sul +2, grazie alle reti realizzate dalla Ivanova, ancora una volta in contropiede e dalla Diachenko in superiorità numerica (02:13). L’Olympiakos però non si è dato per vinto, si è riavvicinato al punteggio con un tiro dal perimetro da parte della Margarita Plevritou (01:52) e ha pareggiato con un  4-4 con un gol di  Alexandra Asimaki dalla posizione di centroboa (0:30). Con il parziale di 4-2 a favore dell’Olympiakos e il punteggio sul 4-4, si è concluso il primo tempo, con le “biancorosse” che mostravano segnali di reazione.

Prestazione eccellente e sorpasso nel terzo periodo!

Il terzo periodo è iniziato con una rete da parte della Simanovich, dando nuovamente il vantaggio al Kinef, seguita da un gol della Prokofyeva (07:02) per riportare le padrone di casa sul +2. In seguito, il rigore della Emmolo è stato parato dal portiere del Kinef ma l’Olympiakos non ha gettato la spugna. La Eggens, con la sua seconda rete personale, impatta per il 6-5 (06:18) e Alexandra Asimaki pareggia sul 6-6, con l’Olympiakos che riesce nuovamente a recuperare i due gol di vantaggio della squadra Russa.  Le “biancorosse”  hanno migliorato il proprio rendimento e a metà del terzo periodo, sono andate per la prima volta in vantaggio con la straordinaria Alexandra Asimaki che realizzava il suo quarto gol personale per il 7-6 a favore dell’Olympiakos (04:49). La Krimer pareggia da posizione di centroboa (04:20) ma il prosieguo del gioco apparteneva alle giocatrici di Charis Pavlidis! Giulia Emmolo va a segno dal perimetro riportando l’Olympiakos in vantaggio per l’8-7 e Christina Tsoukalà a 3’’ dal termine, segna per il 9-7,sfruttando la superiorità numerica. L’Olympiakos, con il parziale di 5-3 nel terzo periodo, era riuscito a ribaltare la situazione a proprio favore, e sembrava in grado di ottenere un risultato notevole.

È tornato a casa col pareggio, vantaggio per la qualificazione

Nell’ ultimo periodo, la giocatrici Russe impattano nuovamente in contropiede e con un break di 3-0 con reti realizzate dalla Prokofieva (06:37), Diachenko (03:31, 02:57), hanno trasformato il 7-9 in 10-9. L’Olympiakos però, ha reagito e con una rete di Alexandra Asimaki, dopo un passaggio della Nikol Eleftheriadou, ha pareggiato in 10-10, a un 01:45 dal termine della gara. Nei minuti rimanenti, il risultato non è cambiato, e l’Olympiakos è tornato a casa col pareggio dal campo della squadra campione d’Europa in carica, risultato che gli dà il vantaggio per la qualificazione alla Final 4.

I periodi: 2-0, 2-4, 3-5, 3-1

Interviste

Asimaki: “Dal nostro campo non passa nessuno”

 

La migliore marcatrice dell’incontro, Alexandra Asimaki, la quale è stata premiata al termine della gara come giocatrice migliore, ha dichiarato al sito osfp.gr: “In grandi linee, è stata una performance convincente. Per com’è andata la gara, indubbiamente si poteva portare a casa la vittoria, considerando che ci siamo trovati in vantaggio con ben due reti. Non abbiamo iniziato bene, ma abbiamo dimostrato di avere le forze mentali e psicologiche per conseguire il risultato desiderato che non era altro che la vittoria, in una sfida ad alta tensione. Abbiamo subito reti in contropiede, scatturiti dalle  nostre scelte sbagliate sul fronte offensivo, ma ritengo che il pareggio sia  un buon risultato. Per ovvi motivi psicologici, è come partire da zero, ma in casa, tutto sarà diverso. Il passaggio del turno si decidera’ a Pireo. Lì, saremo molto più concentrate e abbiamo dimostrato che dal nostro campo non passa nessuno. Indubbiamente, abbiamo commesso molti errori, e dobbiamo migliorare quest’ aspetto del nostro gioco, abbiamo le qualità per farlo, e sono convinta che ci riusciremo!