ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΑ ΜΕΛΗ 2021-2022
.
ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΟΙ ΦΙΛΑΘΛΟΙ 2021-2022
.
Partenza dinamica per l’Olympiakos in Europa

Partenza dinamica all’ Eurocup ha realizzato l’Olympiakos, il quale si è imposto per 69-50 sul Gorzov, nel palazzetto DAK di Glyfada, in presenza di piú di 600 tifosi. Le “biancorosse” hanno raggiunto una prestazione di alto livello, giocando nella maggior parte della partita una bellissima pallacanestro  nella prima giornata del Girone A. L’Olympiakos, nonostante l’assenza importante della giocatrice Evelina Maltsi per via di un infortunio, è stato quasi impeccabile ed ha controllato il ritmo dall’inizio alla fine. Ha mantenuto il vantaggio il quale andava aumentando col  passare del tempo senza dare scampo alle avversarie dello Gorzov.

Ha imposto il suo ritmo dall’inizio!

Nei primi cinque minuti la gara è stata a ritmo e punteggio basso, nonostante ció l’Olympiakos è andato in vantaggio per 12-2 con canestro e fallo di Ivonne Anderson (4:10). Le “biancorosse” hanno subito il secondo canestro appena 2:15 dalla fine del quarto con la squadra dello Gorzov che si avvicinava al 12-4. Con due tiri liberi a segno della giocatrice Stella Kaltsidou ed un tiro da tre della giocatrice Mirna Mazic, l’Olympiakos è arrivato al 17-4. Il primo periodo della gara si è concluso sul 19-8 al favore dell’Olympiakos dopo un tiro da due segnato dalla  giocatrice Afroditi Kosmà.  

L’Olympiakos ha mantenuto il controllo

Con lo stesso ritmo alto hanno iniziato le “biancorosse” il secondo quarto con la Kaltsidou che andava a segno da dentro l’area per il 21-8 e la Kosmà che segnava da tre dopo una bella circolazione della palla facendo volare la differenza al +16. Un 5-0 della squadra polacca, ha mandato il punteggio sul 24-13 ma la giocatrice Victoria MacOlly è andata a canestro da posizione laterale per il 26-13. Di seguito la Kaltsidou andava a segno per il 28-16 per arrivare alla fine del primo tempo sul +14 per l’Olympiakos ovvero 34-20.

Inizio del terzo quarto col piede sull’acceleratore!

Col piede sull’acceleratore l’Olympiakos ha iniziato il terzo quarto  e in seguito a consecutivi  tiri da tre punti delle giocatrici Olga Hatzinikolaou ed Ivonne Anderson, la differenza è balzata al +20 ossia al 44-24. L’Olympiakos ha continuato con stesso ritmo e con il gioco in contropiede è riuscito a trovare punti facili. Quattro punti consecutivi in contropiede della Anderson (48-24) ed un canestro e fallo anch’esso in contropiede della Hatzinikolaou, hanno portato il punteggio sul 53-26. Il +27 dimostra il dominio “biancorosso”, col terzo quarto che si conclude sul 57-39.

Ed è arrivata la prima vittoria

All’inizio del quarto periodo, il Gorzov ha tentato di portare la differenza , si è avvicinato al 61-45, però l’Olympiakos mantenendo il controllo della gara, riportava il divario ai 20 punti di differenza 65-45, più o meno a due minuti dalla fine della gara la quale è finite sul 69-50.

I quarti: 19-8, 34-20, 57-39, 69-50

Statistica:

Olympiacos (Eleni Kapogianni): Mazic 8 (2/3 3p), Stamati 10 (5 as.), Chatzinikolaou 10 (2/2 3p, 5 as.), Nikolopoulou, Sotiriou, Anderson 18 (1 3p), Macaulay 16 (9 reb.), Spyridopoulou, Kosma 5 (1 3p), Kaltsidou 12 (as.)

Gorzow (Dariusz Maciejewski): Spencer 4, Rytsikava 15, Prezelj 8, Donders 3, Jaworska 2, Pawlak 2, Szajtauer 4, Misiek 2, Stelmach 3, Swords 7

INTERVISTE

Kapogianni: “Giocheremo ancora meglio in futuro”

L’allenatrice dell’Olympiakos Eleni Kapogianni nel dopopartita, ha rilasciato un’intervista al sito osfp.gr: “Abbiamo iniziato la stagionedell’Eurocup con una vittoria.È molto importante per noi vincere sopratutto nelle sfide in casa.Queste vittorie ci daranno autostima per le gare a venire. Adesso ci aspetta una partita molto difficile contro il Besiktas ad Istanbul e spero che riusciremo a giocare ancora meglio in futuro”.

Missas: Abbiamo controllato il ritmo

Il diretore tecnico dell’Olympiakos, Kostas Missas ha dichiarato al sito osfp.gr: “Dal punto di vista difensivo, credo che dobbiamo ritenerci soddisfatti nel primo tempo considerando che la nostra difesa è stata magnifica. Ad un certo punto del terzo quarto, la nostra difesa non è stata all’altezza, abbiamo avuto un cattivo terzo periodo di gioco, ma indubbiamente abbiamo controllato il ritmo. Anche quando abbiamo avuto difficoltà contro la zona, abbiamo trovato le soluzioni avendo pazienza nel gioco. Un’altro punto importante della gara è stato il fatto che abbiamo controllato il rimbalzo il quale è frutto del lavoro di squadra avendo così  la possibilità di alzare o abbassare il ritmo del gioco. Sicuramente ci sono aspetti del gioco in attacco da migliorare ma la nostra funzione difensiva sarà il nostro punto fermo per il futuro. La funzione difensiva sulla quale abbiamo lavorato molto, la pressione alta e la voglia dimostrata dalle giocatrici è un aspetto che mi aspettavo di vedere. Nel gioco in attacco, quando si parla di situazioni di cinque contro cinque, senza essere ancora al 100% e considerando che abbiamo margini di migloramento, è il secondo  aspetto  che aspettavo di vedere. Il fatto che sappiamo riconoscere le situazioni nelle quali una nostra giocatrice potrebbe avere un vantaggio contro la giocatrice avversaria, è un punto molto importante che ci darà grande qualità.Siamo a buon punto ma penso che serve ancora molto lavoro.   

Chatzinikolaou: “Abbiamo eseguito il piano alla perfezione”

Olga Chatzinikolaou: “È stata una partita fisica, non facile dall’inizio, siamo state noi a farla sembrare facile perchè abbiamo difeso egregiamente, abbiamo eseguito alla perfezione il piano di gioco, il nostro attacco ha lavorato bene è sembra che stiamo iniziando a trovare il ritmo giusto anche se ci troviamo ancora all’inizio della stagione. Adesso non rimane che prepararci per la prossima gara contro il Besiktas a Istanbul e andiamo Avanti partita dopo partita”.

Kaltsidou: “Dare sempre il meglio di noi stesse”

Stella Kaltsidou: “Da questa sfida teniamo gli aspetti positivi, cioè il risultato e vogliamo correggere gli errori e migliorarci il più possibile e velocemente perchè la prossima partita sarà ancora più difficile. Sicuramente abbiamo l’esperienza considerando che l’anno scorso nella competizione Europa abbiamo visto e imparato. Adesso non ci rimane che dimostrare in campo di aver imparato dagli errori.Sappiamo a cosa andiamo incontro, non esistono sorprese, il livello di gioco è molto diverso  e dobbiamo migliorarci e dare il meglio.La mancanza di concorrenza in Grecia ha i pro e i contro. Tra I contro la mancanza d’  intensità che ti permette di prepararti al meglio per le sfide Europee. D’altro canto penso sia anche una cosa buona perchè abbiamo la possibilità di risposarci di piu. Diamo il 100% ad ogni allenamento ed il fatto che il 5 contro 5 in allenamento sembra una partita vera, ci aiuta molto.