ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΑ ΜΕΛΗ 2019-2020
.
ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΟΙ ΦΙΛΑΘΛΟΙ 2019-2020
.
Ha pagato la mancanza di ritmo

 In seguito alla conquista del primo titolo stagionale e del vittorioso esordio in campionato, la squadra di pallanuoto maschile dell’Olympiakos, ha iniziato i propri impegni anche nella Champions League, subendo  la sconfitta in Italia dal Verona per 7-6. La squadra campione europea in carica, si è presentata a questa sfida non all’altezza , visto che ha affrontato parecchie difficoltà durante la preparazione per indisponibilità di piscine per allenarsi. I  ‘’biancorossi’’ hanno pagato la scarsa efficacia difensiva ma anche offensiva durante il secondo periodo di gioco e nonostante nella seconda metà della sfida siano  riusciti a piazzare un parziale di 4-1 riducendo lo svantaggio ad una sola rete, creando così una ghiotta opportunità per ottenere un risultato positivo,ma non sono riusciti a completare la rimonta. Nella giornata successiva, l’Olympiakos affronterà l’Hannover in Germania (3/11).

La partita in Italia è cominciata con le due squadre imprecise in fase conclusiva durante i primi due minuti. La squadra di casa è stata quella ad andare in vantaggio per prima con Di Somma sfruttando la superiorità numerica, ma l’Olympiakos rispondeva nell’immediato con Foudoulis per l’1-1. In seguito, i ‘’biancorossi’’ colpivano due volte il palo nella stessa azione, a tre minuti dalla fine del primo periodo di gioco. Kostas Mourikis ha portato l’Olympiakos in vantaggio per  2-1 dalla posizione di centroboa al 2:05, e due decimi di secondo dalla fine del periodo, la squadra di casa riusciva a pareggiare sul 2-2. Nella seconda frazione di gioco, i giocatori di Thodoris Vlachos, non riuscivano a concretizzare in attacco e nello stesso tempo, subivano quattro reti dalla squadra italiana per il 6-2, il quale è stato il risultato al termine del primo tempo.

Nel terzo periodo, i ‘’biancorossi’’ sono riusciti a contenere in difesa i loro avversari, ma sul fronte offensivo non riuscivano a trovare delle soluzioni valide con il 6-2 che rimaneva immutato fino il 00:41. In quel preciso istante, Buslje riusciva ad andare a segno, traendo vantaggio dalla superiorità numerica, per il 6-3 che è stato il risultato alla fine della terza frazione di gioco. Negli ultimi otto minuti della gara, l’Olympiakos ha mostrato una maggior determinazione. Argyropoulos guadagna un rigore il quale è stato concretizzato da Giannis Foudoulis, riducendo lo svantaggio a due reti (6-4). Il Verona, va a segno per il 7-4 ma l’Olympiakos, con una rete di Obradovic, riduce nuovamente le distanze sul 7-5. Alexandros Gounas realizza portando lo svantaggio al minimo (7-6) a un minuto dal termine della sfida, ma la rimonta da parte dell’Olympiakos non va a buon fine con la squadra italiana che ottiene la vittoria per 7-6.