ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΑ ΜΕΛΗ 2019-2020
.
ΕΓΓΕΓΡΑΜΜΕΝΟΙ ΦΙΛΑΘΛΟΙ 2019-2020
.
Ha nuovamente emozionato e tutto si deciderá in Turchia!

Dopo una partita emozionante,   la quale è stata decisa nei dettagli al tie break (13-15), l’Olympiakos è stato sconfitto dalla squadra detentrice del titolo Bursa, nella finale di andata che  si è disputata in  un Rentis gremito. La conquista del titolo europeo sarà decisa alla rivincita la quale si svolgerà in Turchia mercoledì prossimo (11/4).

Nella prima finale del Challenge Cup che si è svolta oggi in un Rentis rimpito  da 2000 tifosi,  i quali hanno creato un’atmosfera magica ed hanno sostenuto la squadra in maniera dinamica, l’Olympiakos ha ancora una volta dimostrato le sue virtù. Nonostante si siano ritrovate in svantaggio per 2-0 nei set, le «biancorosse» non hanno mollato, hanno pareggiato mandando così la gara al tie break. E li, anche se si sono ritrovate indietro per 8-11 e 9-13, sono riuscite ad avvicinarsi sul 12-13 e 13-14 ma il Bursa ha raggiunto il 13-15 conquistando la vittoria.

Ha nuovamente emozionato!

Nonostante ciò, la squadra di Branko Kovacevic ha  ancora una volta appassionato, con lo spirito di sacrificio mostrato nei momenti più difficili, e ha nuovamente offerto grandi emozioni al pubblico dell’Olympiakos ed è viva per contendersi il titolo europeo nella sfida di ritorno. Nella seconda finale del Challenge Cup in Turchia, mercoledì prossimo (11/4), l’Olympiakos ha bisogno di una vittoria con qualsiasi risultato. Più precisamente, nel caso l’Olympiakos dovesse vincere per 3-0 o 3-1, conquista il titolo, mentre se vince per 3-2, la conquista del titolo si deciderá al golden set. In caso di sconfitta, la detentrice del titolo Bursa manterrá lo scettro.

Ha iniziato con determinazione, si è “bloccato’’ in seguito

Con la spinta del proprio pubblico, l’Olympiakos ha iniziato l’incontro con grinta e determinazione, portandosi velocemente sul 6-2 e con questo +4, si è portato al primo time out tecnico dopo un attacco sbagliato da parte della Yildirim. Le “biancorosse” sono arrivate sul 9-3 ed hanno mantenuto il vantaggio fino al 11-7 quando con un parziale subito, il Bursa si è avvicinato sul 11-10. Branko Kovacevic ha chiamato il suo primo time out ma in seguito la squadra ospite hanno pareggiato con un ace della Leys dopodiché sono andate per la prima volta in vantaggio con la Sarioglu che sopra la rete è andata a segno per il 12-13. Il parziale del Bursa ha raggiunto il 4-0 ed è stato interrotto da un attacco della Hippe per il 13-14. Nel prosieguo del set, le ospiti hanno aumentato il proprio vantaggio conquistandolo per 17-25 dopo un ace della Dimitrova che è stato il quarto per il Bursa.

Vicino al 1-1 ma… 2-0!

All’avvio del secondo set, l’Olympiakos si è trovato indietro al punteggio per 5-2, con Branko Kovacevic che chiamava time out. Il Bursa ha mantenuto il vantaggio portandosi sul 4-8 al primo time out tecnico. Le “biancorosse” non erano ancora riuscite ad entrare in ritmo dando così la possibilità alla squadra turca di aumentare io proprio vantaggio, arrivando sul 16-20. Con la Stephanie Niemer che trovava delle risposte, l’Olympiakos si riavvicinava sul 19-21, punto nel quale il Bursa chiamava time out. In seguito, con un ace della Niemer, l’Olympiakos porta lo svantaggio al minimo scarto (20-21) e con un ulteriore ace nuovamente da parte della Niemer, le “biancorosse” hanno pareggiato per la prima volta sul 21-21. Il proseguimento  del set è stato emozionante con la Dimitrova che ridava il vantaggio al Bursa (21-22) ma dopo un fallo di invasione della stessa giocatrice, il punteggio raggiunge il 22-22. L’Olympiakos è andato vicino al pareggio ma il Bursa ha mantenuto il vantaggio e con le Yildirim e Dimitrova è arrivato al 23-25, conquistando così anche il secondo set.

L’Olympiakos ha reagito ed ha ridotto le distanze!

Senza avere più margini di errore, l’Olympiakos ha iniziato il terzo set con maggior determinazione, portandosi in vantaggio con un parziale di 6-0, mentre è andato sul 7-1 e poi al primo time out tecnico sul 8-2. Fino alla  metà del set, le “biancorosse” che avevano sensibilmente migliorato la propria prestazione, hanno mantenuto il vantaggio arrivando sul 13-4, punto nel quale il tecnico del Bursa ha chiamato time out. L’Olympiakos , senza togliere il piede dall’acceleratore, ha allungato il passo, portandosi con un attacco della Niemer sul +10 per il 15-5 e con questo vantaggio è andato al secondo time out tecnico. Successivamente  la differenza punti è andata sul +12 per il 18-6 mentre la Niemer con un nuovo ace ha segnato il 19-6 e la Giota riusciva con un ulteriore punto a far volare la differenza sul +14 ovvero sul 20-6. Il parziale “biancorosso” iniziato dal 16-6, ha raggiunto l’8-0 ed il 24-6 e grazie ad un attacco della Poll, l’Olympiakos è andato sul 25-7, conquistando il set e portandosi sul 2-1.

Grande spirito ancora una volta!

All’avvio del quarto set, il Bursa è andato in vantaggio due volte per 2-4 e 4-6 con l’Olympiakos che pareggiava entrambe le volte sul 4-4 e 6-6. Le due squadre andavano di pari passo fino al 7-7 ma in seguito, un parziale di 4-0 da parte del Bursa, ha portato il risultato sul 7-11. In quella frazione di gioco , la continuazione  del set non è stata delle migliori per l’Olympiakos il quale si è trovato in svantaggio per 10-15. Nonostante ciò, a questo punto della gara le “biancorosse” hanno reagito e con un parziale di 4-0 hanno ridotto lo svantaggio al minimo (14-15) con l’allenatore del Bursa che chiamava time out. Il Bursa si è portato sul 14-16 ma in seguito due punti di fila dell’Olympiakos e dopo una notevole difesa da parte della Eirini Kokkinaki, la Poll ha pareggiato i conti sul 16-16. Con un ace della Hippe. L’Olympiakos si è portato in vantaggio per 17-16 e dopo una pipe della Dimitrova (17-17), la Poll impatta per il 18-17. Al nuovo pareggio, l’Olympiakos risponde con un nuovo parziale di 4-0 con la Lamprousi al servizio per il 22-18! Il muro della Giota sulla Yildirim ha segnato il 23-18, dopo un attacco sbagliato della Dimitrova è arrivato il 24-18 e infine con un ace, la Lamprousi va a segno per il 25-18 grazie al quale l’Olympiakos pareggia il conto dei set sul 2-2! 

Nei dettagli e vivo per il titolo!

L’emozionante tie break è stato deciso ai dettagli. L’Olympiakos al cambio campo si è trovato indietro per 5-8 e il Bursa ha aumentato il proprio vantaggio sul 5-9 mentre in seguito è arrivato sul 8-11. La Yildirim al contrattacco ha ipattato per il 9-13 e a quel punto l’Olympiakos ha nuovamente reagito.  Inizialmente ha ridotto lo svantaggio sul 10-13 con la Poll e sul 11-13 con un ace della Giota. Segue un’ulteriore schiacciata della Poll  per il 12-13, il muro subito dalla Hippe per il 12-14 con l’Olympiakos che si portava ad un passo dal Bursa con un block ut a favore della Hippe per il 13-14. Nell’azione successiva, l’Olympiakos è arrivato vicino al pareggio ma alla fine, il Bursa con la Yildirim ha segnato il 13-15!

L’applauso è stata la dimostrazione!

Il finale della sfida, ha trovato il pubblico dell’Olympiakos ad applaudire le giocatrici dell’Olympiakos per l’emozionante impegno dimostrato e a incoraggiarle in vista della sfida di ritorno di mercoledì prossimo in Turchia, la quale deciderà la conquista del titolo europeo!

I set: 2-3, 17-25 (23’), 23-25 (28’), 25-7 (20’), 25-18 926’), 13-15 (19’)

Interviste

L’allenatore dell’Olympiakos Branko Kovacevic ha dichiarato dopo il termine della gara: “È stata una grandissima sfida, congratulazioni ad entrambe le squadre. I nostri tifosi hanno creato un’atmosfera molto calorosa. Ad eccezione del primo set, durante il  resto della gara abbiamo dimostrato un impegno notevole. Le due squadre non hanno una grande differenza, ma si  è vista l’esperienza del Bursa il quale disputa partite difficili durante  tutto l’arco della stagione. Noi combatteremo e andremo a giocare la seconda partita con meno pressione. Abbiamo buone possibilità di conquistare il titolo”.

Il capitano dell’Olympiakos Stella Christodoulou dal canto suo ha dichiarato: “Oggi abbiamo avuto tanti  spazi vuoti nel nostro gioco. È stata una bella gara. Voglio ringraziare il nostro pubblico che è stato al nostro fianco  e che per ancora una volta ci ha dato la spinta per ribaltare il risultato dal 0-2. Non abbiamo ottenuto la vittoria desiderata ma in Turchia daremo tutto per contenderci il trofeo. Il 3-2 è un risultato che lascia i conti aperti per la gara di ritorno. Nella seconda sfida tutto può succedere. Vorrei infine augurare una pronta guarigione all’atleta del Bursa che si è infortunata”.